Farinata di ceci

La farinata è una preparazione tipica ligure, a base di farina di ceci, olio e acqua. La versione tradizionale è chiaramente inimitabile ma da tempo cercavo un modo per farla in casa e per renderla meno unta pur mantenendone il gusto (a cuor ligure non si comanda!).

La versione perfetta arriva da una mia paziente (e dal marito) che ci hanno messo anni per perfezionarla.

Tra l’altro è naturalmente senza glutine e vegan, quindi penso che possa essere il jolly per accontentare davvero tutti.

Il segreto è il tempo di cottura e l’utilizzo dei diversi ripiani del forno: solo in questo modo, anche con poco olio, si formerà la pellicola scura che la caratterizza.

NB. A seconda del tipo di croccantezza che cercate potete farla su una teglia molto ampia (verrà sottile e croccante) oppure su una da circa 33 cm (più alta e morbida).

Tempo Totale
310 min
Difficoltà
Facile
RICETTE SEMPLICI E GUSTOSE

Ingredienti per: 3 Porzioni

  • 150g
    di farina di ceci
  • 500 ml
    di acqua
  • 1 cucchiaino raso
    di sale
  • 4 cucchiai
    di olio di semi di girasole (o di olio di oliva)

Tempo Totale

  • Tempo Preparazione
    280 min
  • Tempo Cottura
    30 – 40 min

Procedimento

  • Unire la farina di ceci, l’acqua e il sale mescolando con una frusta.

  • Lasciare riposare il composto per almeno 4 ore in un luogo fresco. Il riposo di 4 ore è omettibile: viene bene comunque 😉

  • Trascorse le 4 ore accendere il forno alla massima temperatura.

  • Prendere l’impasto e togliere l’eventuale schiuma presente in superficie.

  • Aggiungere i 4 cucchiai di olio e nuovamente mescolare con la frusta.

  • Foderare una teglia di carta forno e oliare leggermente la carta forno stessa.

  • Versare il composto.

  • Posizionare la teglia nella parte inferiore del forno (statico e alla massima potenza) per 20-25 minuti.

  • Successivamente spostare la teglia nella parte più alta per 10-15 minuti, fino a doratura.

Note

L’abbinamento

Nonostante si chiami “farina”, è comunque farina di ceci: è pertanto una farina di legume e quindi principalmente una fonte di proteine.  Io la abbino a dell’insalata fresca e a del pane (o, se la trovo buona, a della focaccia!).

E’ un ottimo pranzo in università o al lavoro (ad esempio dentro ad un panino o accanto a delle patate al vapore) perché è buonissima anche fredda.

 

© 2021 Camilla Bendinelli, All Rights Reserved P.IVA: 01465770111, Ragione sociale: Camilla Bendinelli, Sede Sarzana (La Spezia), Via XX Settembre 30/I, CAP 19038, Powered By Dichotomiclab